0.00 (0 voti)

Gli struffoli sono un tipico dolce Natalizio napoletano. Sono delle palline di pasta fritta, più piccole di uno gnocco. Una volta cotti, vengono conditi con miele caldo e canditi a cubetti e decorati con canditi in fette e confettini di zucchero. A Napoli e in Campania in generale non è Natale senza struffoli. Come tutte le ricette tradizionali del Sud ce n'è una in ogni casa e quindi troverete struffoli grandi, struffoli piccoli, struffoli duri e struffoli morbidi, struffoli fragranti e struffoli gommosi, infomma il caos. A me personalmente piacciono non troppo piccoli, gonfi, fragranti e, quando ancora caldi, morbidi. Il problema è che per ottenere queste caratteristiche la maggior parte delle ricette utilizza agenti lievitanti, di solito bicarbonato o il classico lievito in polvere per i dolci. A me non piace il retrogusto alcalino che in questa preparazione, a mio avviso rimane, e comunque cerco di evitare gli agenti lievitanti quando si può e in questo caso, si può. Scopriamo come...

0.00 (0 voti)

I biscotti di pasta frolla possono diventare, con un po' di fantasia negli ingredienti e nella preparazione, dei fantastici e buonissimi pensierini natalizi. Potete farli e confezionarli per essere appesi all'albero di Natale visto che si conservano a lungo. Piaceranno agli adulti e faranno letteralmente impazzire i più piccoli. Noi ne abbiamo fatti molti e regalati ad amici e conoscenti. Ve ne proponiamo ben tre tipologie differenti, una più gustosa dell'altra.

0.00 (0 voti)

I roccocò sono tipici biscotti natalizi che a Napoli non mancano in nessuna casa. Da piccolo non li amavo, preferivo i loro immancabili compagni mustaccioli essendo ricoperti di cioccolato e con i bambini si sa, il cioccolato la vince. Inoltre il roccocò può avere diverse durezze. Si va da quelli morbidi fino agli spaccadenti che è impossibile mangiare se non ben inzuppati in un buon liquore. Questi che vi propongo sono del genere morbidi ma non troppo. Anche se nel periodo natalizio potete acquistarli ad ogni angolo di strada, farli in casa vi offre l'occasione unica di assaggiarli caldi, appena sfornati. In questo caso sono più morbidi e fragranti e tutti gli aromi sono esaltati. Io adoro mangiare le cose appena tirate fuori dal forno e i roccocò da questo punto di vista sono stati una piacevolissima scoperta.

0.00 (0 voti)

Molto molto natalizi, gli amaretti morbidi sembrano proprio piccole palle di neve. Perfetti per dei gustosi regalini natalizi o da offrire ad amici e parenti durante le festività.
Noi li abbiamo preparati in due modi, classici e aromatizzati con il crue di cacao e la scorza d'arancia. Sono molto semplici da preparare ma di grande effetto.%$

0.00 (0 voti)

Eh il Panttone. La massima sfida dei lievitati. Come tutti i grandi lievitati è una preparazione che dev'essere affrontata con una certa preparazione e consapevolezza pe non restare delusi. Per prima cosa è necessaria della pasta madre solida equilibrata e per questo è necessario un percorso preparatorio di circa una settimana. Il risultato è eccezionale, la soddisfazione poi, davvero indescrivibile ma dobbiamo procedere per gradi.

0.00 (0 voti)

Questa ricetta nasce per il "riciclo" da panettonata. Chi si è lanciato nella produzione casalinga di un grande lievitato sa bene che questo comporta un certo esubero di ottimi ingredienti che spesso si fa, giustamente, fatica a buttare e tocca inventarsi un modo per smaltirli. Se si usano uova fresche, si ha un gran avanzo di albumi. La pasta madre va rinfrescata molto e in dosi abbondanti con l'immancabile esubero del nostro amato lievito naturale. In questo caso, per noi che abbiamo preparato in casa anche i mandarini cinesi canditi, per le sospensioni del panettone, c'era anche dello sciroppo di zucchero al 72% molto aromatico che pareva davvero un peccato buttar via. La soluzione in questi casi? Armarsi di calcolatrice e spirito d'avventura e bilanciare una ricetta ad hoc. Ecco la nostra.

0.00 (0 voti)

Come dev'essere una brioche da colazione? Bhe a questa domanda, come a tutte quelle in cui entra in gioco il gusto, è difficile dare una risposta condivisa. Per me una brioche da colazione dev'essere soffice, leggera e non troppo dolce. In realtà questi non sono proprio le caratteristiche di una tipica brioche da bar, anzi. Questo impasto mi è venuto in mente sfogliano il libro "La lievitazione lenta" del maestro Giorilli. In questo testo ci sono diverse ricette di dolci lievitati e la maggior parte di questi hanno notevoli quantità di zuccheri e grassi proprio perchè sono ricette rivolte anche a professionisti e comunque che vanno nella direzione del prodotto da vetrina. Il punto è che non tutti, io per primo, posso permettermi il lusso di fare colazione tutte le mattine con una merenda iper carica di zuccheri e grassi. Poichè però mi piace concedermi qualcosa di gustoso al mattino, preferisco optare per una ricetta che mi dia gusto e piacevolezza senza eccedere con zucchero e burro e quindi con le calorie. Vediamo come fare con queste sofficissime brioche alla castagna.

0.00 (0 voti)

Questo panbrioche è una delizia. Tecnicamente non semplicissimo ma con una struttura più che accattivante. Le albicocche gli danno un buon gusto fruttato. Davvero speciali per la colazione o per la merenda.

0.00 (0 voti)

Una torta semplice e veloce che potete preparare con lo sbattitore elettrico ma comunque buonissima e goduriosa grazie alla generosa dose di cioccolato fondente 70%.