0.00 (0 voti)

Questa ricetta nasce per il "riciclo" da panettonata. Chi si è lanciato nella produzione casalinga di un grande lievitato sa bene che questo comporta un certo esubero di ottimi ingredienti che spesso si fa, giustamente, fatica a buttare e tocca inventarsi un modo per smaltirli. Se si usano uova fresche, si ha un gran avanzo di albumi. La pasta madre va rinfrescata molto e in dosi abbondanti con l'immancabile esubero del nostro amato lievito naturale. In questo caso, per noi che abbiamo preparato in casa anche i mandarini cinesi canditi, per le sospensioni del panettone, c'era anche dello sciroppo di zucchero al 72% molto aromatico che pareva davvero un peccato buttar via. La soluzione in questi casi? Armarsi di calcolatrice e spirito d'avventura e bilanciare una ricetta ad hoc. Ecco la nostra.

0.00 (0 voti)

Come dev'essere una brioche da colazione? Bhe a questa domanda, come a tutte quelle in cui entra in gioco il gusto, è difficile dare una risposta condivisa. Per me una brioche da colazione dev'essere soffice, leggera e non troppo dolce. In realtà questi non sono proprio le caratteristiche di una tipica brioche da bar, anzi. Questo impasto mi è venuto in mente sfogliano il libro "La lievitazione lenta" del maestro Giorilli. In questo testo ci sono diverse ricette di dolci lievitati e la maggior parte di questi hanno notevoli quantità di zuccheri e grassi proprio perchè sono ricette rivolte anche a professionisti e comunque che vanno nella direzione del prodotto da vetrina. Il punto è che non tutti, io per primo, posso permettermi il lusso di fare colazione tutte le mattine con una merenda iper carica di zuccheri e grassi. Poichè però mi piace concedermi qualcosa di gustoso al mattino, preferisco optare per una ricetta che mi dia gusto e piacevolezza senza eccedere con zucchero e burro e quindi con le calorie. Vediamo come fare con queste sofficissime brioche alla castagna.

0.00 (0 voti)

Questo panbrioche è una delizia. Tecnicamente non semplicissimo ma con una struttura più che accattivante. Le albicocche gli danno un buon gusto fruttato. Davvero speciali per la colazione o per la merenda.

0.00 (0 voti)

Una torta semplice e veloce che potete preparare con lo sbattitore elettrico ma comunque buonissima e goduriosa grazie alla generosa dose di cioccolato fondente 70%.

0.00 (0 voti)

Se avete voglia di una colazione soffice e gustosa queste girelle sono perfette. Ogni morso è un'esplosione di gusto. Queste girelle alle mele sono sofficissime e ideali per una colazione sana e ricca di gusto.

0.00 (0 voti)

Ah la foccaccia, o pizza in teglia che dir si voglia, è diventata una preparazione ricorrente in casa. Spesso si è fuori all'ora di pranzo e quando la fame arriva il rischio di azzannare quello che capita è alto. Meglio preparare qualcosa di buono e facile da conservare e trasportare allora, qualcosa che appaghi anche il cuore oltre che lo stomaco. Questo mix di farine ci piace molto. Ricco di sapore, fibre e grassi buoni dati dai semi oleosi che aggiungiamo a fine impasto. 24 ore di maturazione e lievitazione per la quale, stavolta, abbiamo usato la nostra infallibile pasta madre solida che non ci delude mai.

0.00 (0 voti)

Se vi piacciono i dolci al cocco questa torta è adatta a voi perchè il cocco c'è e si sente. Per noi poi l'abbinamento cocco e cioccolato è un must quindi abbiamo arricchito la cake con un guscio di frolla al cacao. Ottima per la colazione o per la merenda e semplice, semplice da fare.

0.00 (0 voti)

Si fa presto a dire pizza gourmet. Questa pizza in teglia è proprio eccezionale. Particolarissima per l'abbinamento di sapori di impasto e condimento. La chiave di tutto è il pomodorino datterino giallo, dal gusto dolce e delicato attorno al quale ruotano gli altri sapori per una combinazione inusuale e speciale.
Questa pizza prevede 24 ore totali di maturazione quindi dovrete impastare il giorno precedente, più o meno alla stessa ora di quando vorrete poi mangiarla. Nel nostro caso, per la cena del sabato sera abbiamo impastato venerdì alle 18:00.

0.00 (0 voti)

Una ricetta di un grande lievitato può occupare una pagina o un libricino, dipende dalle intenzioni dello scrittore. Se dessi per scontato che i lettori conoscono tutte le insidie che stanno dietro alla preparazione di un dolce tanto complesso, bhe basterebbero, come d'altronde è fatto in alcuni testi, poche righe per gli ingredienti. Se invece dovessi riportare qui tutti i consigli e le regole per produrre al meglio e in casa un grande lievitato, bhe avremmo un post bello lungo, praticamente un'enciclopedia.
In questi casi l'unica via è la mediazione. Cercherò di riportare tutti i passaggi essenziali e necessari per una realizzazione corretta.